Mamma che lavora, un blog e il desiderio di una pausa tutta per sé. Una MML si racconta

Chiedere a una mamma “ma cosa sogni in questo periodo?” e sentirsi rispondere “una camera d’albergo per prendermi un giorno di totale relax” mi pare in linea con lo spirito plonerino, con l’ironia che una MML (madre-moglie-lavoratrice) dovrebbe  avere sempre addosso. Mentre va avanti la Ploneriade dedicata a #ioeme (v’invito a visitare la pagina e a lasciare il vostro commento perché c’è anche un bel regalo che vi aspetta), abbiamo scambiato qualche chiacchiera con una donna che deve vedersela con famiglia, lavoro, passioni. E scopriamo che ha trovato pure lo spazio per un blog che si chiama Mamma for dummies. Cominciamo subito con le domande.

Una famiglia, un lavoro, un blog e tu: come riesci a conciliare la vita di madre con quella di donna?

Respiro. Faccio grandi respiri. E sì, yoga al centro anziani! Scherzi a parte, non la devo conciliare perché sono già un tutt’uno: cerco di coinvolgere mio figlio nelle mie attività, me lo porto dietro durante le commissioni e cerco di abituarlo a stare bene in qualsiasi luogo.

Foto di Alice di Mamma for dummies

Intanto dicci qualcosa del tuo lavoro, da dove sei partita professionalmente.

Sono diplomata in lingue e laureata in lettere e lavoro come impiegata addetta ai clienti e fornitori italia ed estero. Il mio lavoro mi piace moltissimo: parlare con persone di lingue, paesi e culture differenti mi apre la mente, il mio impiego mi regala un confronto quotidiano, oltre alla possibilità di mantenere vive le lingue che conosco.

Poi è nato Mamma for Dummies, il tuo blog. Perché lo hai lanciato e con quali obiettivi?

Il blog nacque cinque anni fa, diciamo dopo una disavventura d’amore poi cominciò a ricevere riscontri, ci presi gusto e iniziai a scrivere settimanalmente. Il blog si è trasformato dopo la nascita di mio figlio che ora ha otto mesi. Scrivo sempre di sventure ed episodi improbabili, ma dal sapore totalmente differente.

Un po’ della tua vita, sei mamma da pochi mesi. Sul tuo blog c’è molta ironia sul tentativo di provare a fare tutto dignitosamente…

Sì, ci provo. Mentre aspettavo mio figlio cercavo informazioni sul web e puntualmente capitavo in blog di “mamme perfette”. Io perfetta non sono, non voglio nemmeno esserlo e mi piace affrontare il mio ruolo di mamma con leggerezza. Credo sia salutare per tutti e due – mamma e bambino – riderci su e accettare i propri limiti.

Qui sul blog, nella pagina Ploneriadi, stiamo parlando di momenti esclusivi, #ioeme. Quali sono le tue passioni? A che cosa ti dedichi quando vuoi rilassarti o ricaricarti?

Non mi rilasso MAI, ma sogno spesso di farlo. Il mio sogno ricorrente è prenotare un camera d’albergo a pochi metri da casa mia DA SOLA e dormire ventiquattr’ore filate. Scherzo! Ehmm… no invece no. Ecco, dicevamo, mi piace scarabocchiare: tenere la penna in mano e scribacchiare sui fogli, non necessariamente con un senso. Mi piace ascoltare i vinili degli Skiantos, andare ai concerti. Adoro mangiare, ma proprio tanto! Mi piace stare in acqua: mare, piscina, vasca, un dito dentro a una tazza colma d’acqua.

Quali sono i tuoi momenti #ioeme? Quando rimani da sola con te, che cosa fai?

Non rimango sola quasi mai, se non per portare i fiori a mio padre. Le rare volte, per lo più leggo: romanzi o blog. Per quanto riguarda la narrativa prediligo gli italiani perché non mi fido dei traduttori; vi consiglio un autore bolognese che adoro: Massimo Vitali.

Dai tre consigli alle neomamme come te, tre spunti per la vita di tutti i giorni.

Non mi sento all’altezza, ma dalla mia esperienza posso darvene uno fondamentale per i primi mesi: quando vostro marito torna a casa dal lavoro staccatevi dal piccolo/piccola per un paio d’ore. È davvero un grandissimo beneficio per la mamma e per il bambino.

Invita con un breve messaggio altre mamme a scrivere qui sul blog il loro momento #ioeme.

Invito con gioia tutte le mamme a condividere la propria esperienza per far conoscere a tutte le altre la propria realtà che per ciascuna è differente e non necessariamente giusta o sbagliata. I blog per le mamme sono un grandissimo sostegno psicologico e tra una risata e l’altra a volte e capita di trovare delle vere amiche.

 

Qui per la mia Newsletter. Iscriviti!

Commenti recenti

Categorie

Articoli recenti

Argomenti

Per registrarsi al blog o per ricevere feed rss

Mrs. Plonery Written by:

2 Comments

  1. 16 maggio 2016
    Reply

    Grazie a Mrs. Plonery per avermi regalato uno spazio nel suo fantastico mondo!

    • 16 maggio 2016
      Reply

      Grazie a te, cara Mamma for Dummies, e benvenuta nella MML zone!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *