Dove vedere gli alberi di Natale più belli e più grandi? Ecco qui una guida

Pensate di aver visto alberi di Natale più che a sufficienza? Ce ne sono alcuni, in Italia, bellissimi e altissimi e luminosissimi e stilosissimi. Non li avrete mica già visti tutti-tutti? Siccome è un po’ complicato fare il giro delle regioni, da nord a sud, in questa settimana o poco più di vacanze dalla scuola dei figli, se possibile dal lavoro, care MML ecco una selezione degli alberi di Natale che in questo periodo svettano sulle piazze. E se vi trovate in una di quelle zone, vi consiglio di andare a dare un’occhiata. Tutti sono esposti fino al 6 gennaio, alcuni anche fino al 20.

Sono gli alberi di Natale che mi hanno colpita, a partire da quello in piazza Duomo a Firenze – che volete? questioni di cuore, si può dire… – e poi quello più alto del mondo che pare stia in Umbria, e quello fatto solo ed esclusivamente con il vetro di Murano (che si fa, care MML, ci proponiamo per una spolveratina…?), o quello decorato con la plastica delle bottiglie per l’acqua. Date un’occhiata qui, magari uno o due riuscite a vederli di persona, mentre siete in vacanza o facendo una gita anche da mattina a sera nella città più vicina a voi.

Per tutti gli altri che se stanno a casa? Ecco qui una carrellata a portata di clic. Godetevi questo raccontino, magari sdraiate sul divano accanto all’albero che con i bambini avete addobbato nel soggiorno e che vi terrà compagnia sbrilluccicando fino alla Befana.

Intanto andate a vedere qui, su momondo.it trovate foto e info degli alberi di Natale più suggestivi, quelli giganteschi, originali, artistici, sempre bellissimi.

A Ferrara c’è l’albero addobbato con il vetro di Murano.

Con i suoi oltre otto metri di altezza è l’Albero di Natale in vetro soffiato più grande al mondo ed i mille tubi di vetro illuminati rappresentano uno spettacolo di riflessi e colori veramente unico. Rimarrà esposto fino al 10 gennaio. Guardatelo qui Guardatelo qui

A Gubbio, sul monte Ingino, l’albero di Natale più grande del mondo.

Partendo da una base di 450 metri, si distende per oltre 750 metri sulle pendici del monte Ingino, partendo dalle mura della città medievale e arrivando alla basilica del patrono, Sant’Ubaldo, posta in cima alla montagna. Il super albero di Natale copre una superficie pari a trenta campi di calcio ed è costituito da luci multicolore che se segnano la sagoma e illuminano il corpo centrale. In cima, è installata una stella cometa disegnata con oltre duecentocinquanta punti luce. E’ visibile fino al 10. Il grande albero di Gubbio è nel Guinness dei primati dal 1991.

A Calimera, nel Salento, c’è l’ecoalbero.

Siamo in provincia di Lecce e nella bella piazza del Sole, nel piccolo centro di Calimera, è stato costruito un albero con tremilacinquecento bottiglie di plastica destinate al riciclo. E’ alto cinque metri ed è davvero particolare, con un effetto cromatico unico. Da vedere anche con i bimbi, specie se siete attenti ai temi dell’ecologia e magari vi preme offrire uno spunto artistico al lavoro di studio e approfondimento che magari i figli stanno facendo nelle varie scuole. Guardate l’ecoalbero su Salentobimbi.it

 

Albero di Natale a Firenze

A Firenze l’albero tradizionale è in piazza Duomo, proprio a fianco del campanile di Giotto.

Un abete di quindici metri sistemato e imbellettato in una delle piazze artisticamente più significative al mondo. Ma se siete in quel di Firenze vale la pena anche di dare un’occhiata in piazza della Repubblica a piazzale Michelangelo dove svettano altri due grandi alberi d’effetto spettacolare. Non è tutto: il capoluogo toscano è animato anche da F-Light, il festival dell’illuminazione tecnologica, che ha preparato un albero di natale a Palazzo Vecchio, in Cortile della Dogana. Vedi qui

 

Tutto di legno grezzo l’albero di Siracusa.

In piazza Duomo della città siciliana, al termine di un concorso di idee chiamato Tree-Ciclo, è spuntato l’Albero Tortile in legno grezzo. Una specie di gigantesca spirale che s’innalza verso il cielo con un effetto luminoso davvero importante. AlTo resterà montato fino al 20 gennaio.

 

A Genova l’albero di Natale è in piazza De Ferrari.

Avete presente il parco naturale dell’Aveto? Oltre tremila ettari di paesaggio d’alta montagna, pascoli e faggete, prati, castagneti e noccioleti, oltre a una vasta zona con ulivi e vigne e poi cave e miniere… Insomma l’esemplare di abete addobbato e illuminato nel centro di Genova viene proprio dal parco dell’Aveto. E’ visibile fino al 6 gennaio.

 

Se siete in Veneto, l’albero di Natale più alto della regione è a Castelbrando.

Un secolare cedro dell’Atlante, alto ben trentatré metri, s’innalza di fronte al castello. Illuminato da oltre seicento lampadine, rende ancora più magica la Valmarino sottostante, regalando un’atmosfera natalizia davvero da fiaba. L’esemplare è sottoposto a protezione da parte della Soprintendenza ai beni ambientali, in Italia son pochissimi gli alberi che possono vantare le caratteristiche del cedro in bella mostra a Castelbrando. Quell’albero di Natale è fra i cinque più alti d’Italia e tra i primi dieci in Europa.

 

 

Qui per la mia Newsletter. Iscriviti!

Commenti recenti

Categorie

Articoli recenti

Argomenti

Per registrarsi al blog o per ricevere feed rss

Mrs. Plonery Written by:

Be First to Comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *